Sabato 22 Gennaio 2022

Vercelli

Teatro Civico, Via Monte di Pietà 15, ore 21

Concerto in abbonamento

Giovanni Gnocchi violoncello

Camerata Ducale

Programma

  1. Gulda – Concerto per violoncello e orchestra di fiati
  2. Dvořák – Serenata per 10 strumenti a fiato, violoncello e contrabbasso in re minore, op. 44

Promette grandi emozioni il prossimo concerto del XXIV Viotti Festival, sabato 22 gennaio (ore 21) al Teatro Civico di Vercelli, con Giovanni Gnocchi, violoncellista di fama internazionale, accompagnato dalla Camerata Ducale.

Per trasformare un concerto in un’esperienza ci vuole molta personalità e ne ha di certo Giovanni Gnocchi definito dal grande Yo-Yo Ma “meravigliosamente pieno di talento”.

E ne aveva da vendere anche l’austriaco Friedrich Gulda (nel ’99 arrivò ad annunciare ufficialmente la propria morte solo per vedere che necrologi sarebbero stati scritti su di lui) che nell’originalissimo e provocatorio Concerto per violoncello, fiati, basso e batteria, con colta ironia, spazia dal rock alla disco, da Mozart al jazz, alla musica bandistica.

Cosa dire dell’originale personalità di Dvořák? Aveva una vera passione per i treni: a Praga andava spesso alla stazione, saliva sulle locomotive, parlava con i ferrovieri e, quando non poteva di persona, ci mandava uno dei suoi bambini. Incredibilmente, dopo la tragica morte di tre dei suoi figli, trovò la forza d’animo per comporre la Serenata per 10 strumenti a fiato, violoncello e contrabbasso in re minore, op. 44 definita da Brahms “caratterizzata dal divertimento e dall’ispirazione”.

BIGLIETTI
Da 10 a 22 € online sul sito www.viottifestival.it o presso la biglietteria “Viotti Club” via G. Ferraris 14, Vercelli, dal lunedì al venerdì dalle 13 alle 18.50

INFORMAZIONI
www.viottifestival.it – email biglietteria@viottifestival.it – cell 329 1260732

Il prossimo appuntamento con il VIOTTI Festival è in programma sabato 5 febbraio al Teatro Civico (ore 21), con protagonisti Timothy Ridout alla viola e Frank Dupree al pianoforte – Musiche di Dubugnon, Prokofiev, Schumann.

Condividi sui Social

Articoli recenti