Elenco erogazioni II semestre 2016

In arrivo a Vercelli i corsi di Laurea e i Master in Scienze Infermieristiche
20 dicembre 2016
Ultime iniziative della Fondazione
3 marzo 2017

Elenco erogazioni II semestre 2016

Oltre 583mila euro dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli per associazioni ed enti della città e del territorio.

La seconda tranche di erogazioni dell’ente di via Monte di Pietà, presieduto da Fernando Lombardi, va così a sommarsi al milione 940mila, importo già stanziato nel primo semestre dell’anno, per un totale complessivo di contributi pari 2 milioni 523mila euro.

Più di 94mila euro sono stati stanziati per attività e progetti relativi all’ambito “arte, attività e beni culturali”, mentre 124mila euro sono andati a favore dell’educazione, istruzione e formazione. Altri 95mila sono stati destinati all’assistenza sociale, 183mila al volontariato, filantropia e beneficenza, 20 mila alla salute pubblica, 11mila euro sono stati stanziati per sport e ricreazione e 55mila euro per lo sviluppo sociale.

Nel mese di settembre, a seguito del terremoto che ha messo in ginocchio alcune zone dell’Italia centrale, la Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli, ha destinato l’importo di 50mila euro al Comune di Amatrice, il più devastato dal sisma.

Il mezzo milione di euro erogato nella seconda parte del 2016 ha permesso a molte realtà, enti ed associazioni del territorio di beneficiare di somme funzionali all’attivazione di nuovi progetti.

Oltre al costante supporto alle molteplici proposte di carattere culturale, la Fondazione ha continuato a dedicare grande attenzione alle iniziative rivolte al mondo della scuola, in particolare per fornire a diversi Istituti compresivi materiale didattico innovativo, computer, tablet, LIM ed altresì opportunità di formazione come quelle proposte dal progetto Diderot, attivato quest’anno al fianco della Fondazione Cassa di Risparmio di Torino. La partnership tra le due Fondazioni si è rinnovata inoltre nell’importante sostegno economico destinato all’avvio di corsi universitari in Scienze infermieristiche e master in materie sanitarie, condiviso da Asl, Comune e Università del Piemonte Orientale.

Rilevanti inoltre le risorse rivolte al sociale, fondamentali per il sostegno di progetti a favore delle fasce deboli.